DECRETO RILANCIO – RICERCA E SVILUPPO AGEVOLAZIONE NEL MEZZOGIORNO

25 Maggio 2020
DECRETO RILANCIO – RICERCA E SVILUPPO MEZZOGIORNO

 

Nel Decreto Rilancio è stato espunto l’articolo dedicato al potenziamento del Piano Transizione 4.0 su cui stava lavorando il Ministero dello Sviluppo Economico.

Di contro è stata invece incrementata la dotazione dei fondi dedicati al sud che ha comportato la rimodulazione di alcune agevolazioni tra cui l’aumento delle aliquote del Bonus Ricerca e Sviluppo, incentivando l’avanzamento tecnologico dei processi produttivi e gli investimenti in ricerca e sviluppo delle imprese operanti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, inclusi i progetti di ricerca e sviluppo in materia di Covid-19.

Beneficiari

I beneficiari sono le imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione e dal regime fiscale di determinazione del reddito d’impresa, con sede legale e/o unità operativa nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, e che effettuano investimenti in ricerca e sviluppo.

Attività ammissibili

Sono considerate attività di ricerca e sviluppo quelle attività di ricerca fondamentale, di ricerca industriale e sviluppo sperimentale in campo scientifico o tecnologico.

Per ricerca fondamentale si intendono i lavori sperimentali o teorici svolti per acquisire nuove conoscenze sui fondamenti di fenomeni e di fatti osservabili, senza che siano previste applicazioni o usi commerciali diretti.

Per ricerca industriale si intende la ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze e capacità da utilizzare per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi o per apportare un notevole miglioramento ai prodotti, processi o servizi esistenti.

Per sviluppo sperimentale si intende l’acquisizione, la combinazione, la strutturazione e l’utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale e di altro tipo allo scopo di sviluppare prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati.

Inoltre, il credito d’imposta per gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo viene esteso ai progetti di ricerca e sviluppo in materia di Covid-19.

Gli interventi ammissibili riguardano: la ricerca su vaccini, medicinali e trattamenti, dispositivi medici e attrezzature ospedaliere e mediche, disinfettanti e indumenti e dispositivi di protezione, ma anche innovazioni di processo pertinenti ai fini di una produzione efficiente dei prodotti necessari. Link

Spese ammissibili

Sono ammissibili all’agevolazione le seguenti voci di spesa :

  • personale impiegato nell’attività di ricerca e sviluppo;
  • strumentazioni e attrezzature di laboratorio;
  • ricerca contrattuale, conoscenze e brevetti acquisiti o ottenuti in licenza, nonché costi per i servizi di consulenza ed equivalenti;

  • spese generali supplementari e altri costi di esercizio (materiali e forniture).

Contributo a Fondo Perduto, del decreto rilancio ricerca e sviluppo agevolazione nel mezzogiorno.

Credito d’imposta a fruizione diretta pari al:

  • 25% delle spese ammissibili per le Grandi Imprese;

  • 35% delle spese ammissibili per le Medie Imprese;

  • 45% delle spese ammissibili per le Piccole Imprese.

Utilizzo agevolazione

Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione, in 3 quote annuali di pari importo, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di maturazione, subordinatamente all’avvenuto adempimento degli obblighi di certificazione. Link

Ultimo Aggiornamento: 18 Giugno 2020

Icons-Business-And-Finance

Contattaci SubitoRichiedi una consulenza

SvirepGroup ® S.r.l | C.F. – P.Iva e N. di Iscr. al Reg. Impr. di LE N. 04881440756 R.E.A. di LE N. 325916 | © Copyright SvirepGroup 2024. Tutti i diritti riservati

SvirepGroup® S.r.l | P.IVA 04881440756 | © Copyright SvirepGroup 2024. Tutti i diritti riservati